<

Problematiche famigliari

Via Livorno 63, 00055 Ladispoli
   
Cellulare
338 49 70 924
Telefono
338 49 70 924
Fax
06 830. 82.768
   
 

Ass. Magnolia Onlus

Presidente e Rappresentante legale: Dott.ssa Celeste Santina Cirelli

Clicca per entrare nel sito di Magnolia

 
Sito studio privato Dott.ssa Cirelli
 

Ognuno si abbandona a proprio modo al ritmo del mare al pari di un timoniere che nell'apparente disordine delle cose cerca la cadenza profonda del mareggio."

(I. Autissier)

 

 
Le problematiche familiari si presentano più frequentemente nelle fasi critiche del ciclo evolutivo di una famiglia. Ciò che rende critiche le fasi del ciclo evolutivo familiare è il loro essere fasi di transizione e passaggio. Per esempio la nascita o l'entrata nell'adolescenza di un figlio, il pensionamento di un genitore, la morte di un membro anziano della famiglia, etc. Questi sono tutti eventi normativi (prevedibili), ma vi possono essere anche eventi non normativi che giungono a sconvolgere i delicati equilibri di un sistema familiare: un incidente, una menomazione o una
malattia grave di un membro della famiglia, un crollo finanziario, una gravidanza non programmata, etc.

In tutte queste circostanze la famiglia è costretta a riorganizzarsi su nuovi assetti funzionali ed è proprio in questo passaggio, orientato alla ricerca di nuovi equilibri, che la famiglia può andare in sofferenza ed in crisi e così alcuni suoi membri, più spesso quelli dell'ultima generazione (cioè i figli) manifestano stati d'angoscia e/o sintomi psicologici che segnalano un disagio profondo (sindromi ansiose-depressive, disturbi alimentari, sintomi fobico-ossessivi o d'ansia; disturbi del comportamento, etc.). Sono queste le circostanze in cui proporre una terapia familiare.
 
Caso per caso poi il terapeuta deciderà chi invitare in seduta o come impostare il trattamento familiare: vi sono circostanze in cui si lavora solo con la famiglia nucleare, altre in cui è utile invitare anche le famiglie d'origine, altre ancora in cui si lavora con i “sottositemi” (cioè invitando solo alcuni membri della famiglia: per esempio si lavora solo con la fratria, etc.).